Barbabolla 2017

Da una viticoltura esclusivamente biodinamica, interventi ridotti al minimo e sempre in armonia con la vigna.

Barbabolla è soprattutto Garganega (quasi interamente, il 90%), spalleggiata da altre varietà a bacca bianca radicate sul territorio: Glera, Trebbiano, Moscato e Riesling Italico.

Vino base da fermentazioni indigene, non filtrato e senza l’aggiunta di solforosa; riferementazione in bottiglia con mosto da uve passite, non sboccato.

Ingredienti: uva e territorio. Tanto semplice quanto buono.